Sanità bresciana, emodinamica di Gavardo
CONTENUTI IN EVIDENZA
19 Marzo 2019
  • Current
    A MARGINE DEL PRIMO DOPO GIUNTA, IL...    
    INTERVISTA ALL’ASSESSORE...    
   SANITà LOMBARDIA – FARMACI...    
   GRANDE MANTOVA    
Vai alla sezione Video >> Vai alla sezione News >>

Home >> Sezione news >> News
Sanità bresciana, emodinamica di Gavardo
Floriano Massardi (Lega) risponde a Scarcella: “Emodinamica di Gavardo necessaria, la partita non è chiusa”
“Che l’ipotesi dell’emodinamica a Gavardo sia tramontata è ancora da dimostrare ed è mia ferma intenzione continuare una battaglia legittima e sacrosanta per il nostro territorio in tutte le sedi opportune.” Lo afferma Floriano Massardi, vice capogruppo della Lega al Pirellone, in riferimento alle dichiarazioni del neo Direttore generale dell’ASST del Garda, Carmelo Scarcella.
“Realizzare il Servizio di emodinamica a Gavardo – prosegue Massardi – è una questione assolutamente prioritaria, una richiesta corale da parte dei sindaci e dei residenti, non soltanto di Gavardo ma dell’intera Val Sabbia e dell’alto Garda.
Invito quindi il Direttore Scarcella a fare davvero gli interessi di tutto il territorio servito dall’Asst del Garda, impegnandosi per fare in modo che non ci siano più pazienti di serie A e di serie B. Le obiezioni circa il numero dei servizi attualmente presenti nell’Ats di Brescia non tengono conto delle peculiarità di un’area montana come quella valsabbina e l’Alto Garda, della sua grande estensione e delle difficoltà logistiche legate agli spostamenti. Se il problema è legato ai numeri allora nessuno ci vieta una riorganizzazione più assennata della situazione attuale, dove ci sono privati accreditati che fanno soldi e intere zone completamente scoperte.
Bisogna puntualizzare inoltre come la Val Sabbia e l’Alto Garda siano l’unica porzione della provincia di Brescia che al momento non hanno a disposizione, in termini di prossimità, un servizio fondamentale per salvare la vita delle persone. Nei casi in questione infatti la tempistica e la velocità d’intervento risultano fattori essenziali e determinanti per garantire al malato le cure e i trattamenti adeguati. Allo stato attuale infatti i tempi di percorrenza, specie per chi risiede in alta valle risultano troppo lunghi, con rischi molto gravi legati alla sopravvivenza stessa, rischi che una sanità come quella lombarda non può e non deve permettersi.
Mi sono già attivato presso l’Assessore al Welfare Gallera per chiarire la questione in modo definitivo e per difendere gli interessi del nostro territorio. La salute dei cittadini è un tema su cui non si può scendere a compromessi e la sanità montana, che vanta caratteristiche ben diverse rispetto a quella della pianura, va trattata in quanto tale. Non è accettabile – conclude Massardi – che con 18 miliardi di euro spesi per la Sanità in Lombardia, in Val Sabbia e nell’Alto Garda si rischi di morire per un impianto di stent coronarico da 2.000 euro.”

Consigliere: Massardi Floriano    
Rassegna Stampa
Leggi la rassegna per rimanere informato
per essere sempre informato >>
Area Trasparenza
Visualizza qui le spese del gruppo
visualizza il conto >>
Newsletter
 
Seleziona la tua provincia e inserisci la tua mail per ricevere la nostra newsletter.
Consiglieri Regionali
Informati sull’attività dei nostri consiglieri
 
  Mappa del sito  
Home page Video e Multimedia Rassegna Stampa Twitter www.radiopadania.org
News e Comunicati Consigleri Regionali Bandi e Concorsi www.leganord.org www.consiglio.regione.lombardia.it
Area Trasparenza Newsletter Facebook www.legalombarda.leganord.org www.regione.lombardia.it
Copyright © 2014 Gruppo Regionale Lega Nord Padania | Note Legali | Progetto realizzato da Mediadream Labs